Vela

MEMORIAL degli SPORT NAUTICI

mattei

ROBERTO MATTEI

disperso in Atlantico 1993

Alle 10.20 del 10 maggio 1993 la radio RCC di New York riceve una comunicazione dall'operatore di una stazione radioamatoriale venezuelana con la quale segnala che una barca a vela italiana il VAILUA (un Bavaria di 12 metri) in navigazione oceanica diretta all'Europa, si trova in difficoltà in posizione 31°27' Nord - 58°00' Ovest circa metà strada tra le Bermuda e la più occidentale delle Azzorre. Un C130 delia Coast Guard USA viene fatto partire da Elizabet-City per assisterla. New York avvisa che VAILUA utilizza una radioboa di soccorso operante sulla frequenza dei 406 MHz collegata al sistema satellitare Sarsat-Cospas. Il C130 localizza la barca e provvede a contattare la S.U.JUSTINIAN dirottandola sulla barca in pericolo. Le condizioni meteorologiche della zona sono dure (vento sud-ovest sino a 40 nodi con raffiche sui 70, onde molto alte). La nave accosta mettendo a ridosso l'imbarcazione e il recupero dell'equipaggio viene effeftuato calando la biscaglina dalia murata, 11 primo a salire è ROBERTO MATTEI 35 anni, appassionato di mare e non nuovo a traversate oceaniche. Roberto è il più provato dei quattro e dopo pochi metri a causa della escursione della barca a vela contro la murata, schiacciato più volte dalia stessa cade in mare. Dalla nave non si e' in grado di lanciare una zattera per le condizioni del momento. Anche una rete stesa a murata non permette nessun recupero. I tentativi e le ricerche proseguono da parte della motonave stessa, da un'altra unità da M/T DATALION e da un motoryacht ma non è piu possibile rintracciare il naufrago.